Chi viaggia in aereo si è probabilmente imbattuto, almeno una volta, in una di queste situazioni:

  • ritardo o cancellazione del volo;
  • negato imbarco per overbooking
  • problemi con il bagaglio.

Se sei incappato in uno di questi inconvenienti, sapete bene che si tratta di disagi non di poco conto che possono compromettere la qualità dell’intero viaggio.

Poichè di fronte ad uno di questi problemi, spesso, non si sa bene come comportarsi proverò ad illustrartelo.

La “Carta dei diritti del passeggero”, stilata per la prima volta nel 2001 e poi aggiornata a partire dal 2005 e pubblicata dall’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile), e il Regolamento (CE) n. 261 del 2004 stabiliscono quali siano i diritti dei passeggeri dei vettori aerei. In caso di ritardo prolungato, cancellazione del volo o negato imbarco per overbooking, oltre ad un eventuale rimborso, è previsto un indennizzo pari a euro 250,00, 400,00 oppure 600,00, da quantificare in base alla destinazione del volo e del ritardo totale rispetto alla destinazione finale.

In caso dei disagi sopra elencati, inoltre, la Compagnia aerea deve fornire ai passeggeri assistenza, comprendente:

  • pasti e bevande, in relazione alla durata dell’attesa;
  • una adeguata sistemazione in albergo, nel caso in cui sia necessario un pernottamento;
  • il trasferimento dall’aeroporto all’albergo e viceversa;
  • la possibilità di usufruire di servizi di comunicazione (telefonate, fax o email);
  • la riprotezione, cioè la possibilità di usufruire di mezzi di trasporto alternativi per raggiungere la destinazione finale;
  • la possibilità di tornare al punto di partenza iniziale.

Per quanto riguarda i problemi concernenti il bagaglio (danneggiamento, ritardata consegna o smarrimento) la “Carta dei diritti del passeggero” e il Regolamento (CE) N. 889 del 2002 stabiliscono che il passeggero compili, appena arrivato all’aeroporto di destinazione, l’apposito modulo PIR (Property Irregularity Report). Se entro 21 giorni dalla compilazione del PIR non avete ancora ricevuto il bagaglio, potete sporgere reclamo alla Compagnia aerea e richiedere un rimborso per le spese sostenute in assenza del bagaglio e un risarcimento pari a circa 1.164,00 euro.

Il blog, strumento diretto di UNIONE DEI CONSUMATORI, mira a far conoscere i sopracitati diritti dei passeggeri e – nel caso tu sia stato vittima dei disagi aerei più frequenti – ad aiutarti a richiedere quanto dovuto, attraverso una assistenza qualificata, che passa attraverso la compilazione degli appositi moduli messi gratuitamente a tua disposizione.

Vota questo contenuto
[Totale: 50 Average: 5]
Condividi con:

2 commenti

Giuseppe · 8 novembre 2017 alle 18:20

Buonasera, io e mia moglie abbiamo avuto un disagio con Ryanair che ha cancellato il nostro volo all’ultimo minuto.
Mi potete ricontattare

    trasportieturismo · 8 novembre 2017 alle 18:21

    Buonasera, Giuseppe. Verrà ricontattato al più presto per ricevere assistenza e ottenere quanto dovuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close