Estate di scioperi, ritardi e cancellazioni voli: ecco i diritti dei passeggeri

Pubblicato da trasportieturismo il

scioperi_estate

Quella che si è appena conclusa è stata un’estate particolarmente difficile per il settore dei trasporti aerei: molti sono stati, infatti, i ritardi aerei e i voli cancellati a causa degli scioperi delle principali Compagnie aeree, prima tra tutte la Compagnia irlandese Ryanair.

I lavoratori di quest’ultima hanno aderito in modo massiccio, non solo in Italia ma anche in altri Paesi europei, agli scioperi del 25 e 26 luglio, del 10 agosto e del 28 settembre scorsi, chiedendo migliori condizioni di lavoro e salari più alti. Ciò ha però causato numerosi disagi per i passeggeri poiché molti voli sono partiti in ritardo oppure sono stati cancellati, spesso senza fornire spiegazioni e/o assistenza ai viaggiatori.

Il parere dell’Enac

L’Enac (Ente nazionale per l’aviazione civile) ha ammesso, in una recente comunicazione, che “questa estate è stata particolarmente critica in quanto caratterizzata da scioperi dei controllori di traffico aereo – soprattutto in altri Stati europei – che hanno avuto inevitabilmente ripercussioni sulla regolare operatività anche in Italia, creando non pochi disagi ai passeggeri, nonché da scioperi del personale di volo e di terra di alcune compagnie aeree”. L’Ente spiega di aver incontrato i responsabili dei principali vettori aerei coinvolti, invitandoli al pieno rispetto di quanto previsto dal Regolamento CE 261/2004 in termini di rimborso dei biglietti non utilizzati, di assistenza ai passeggeri e di corresponsione della compensazione pecuniaria, quando dovuta, nei casi di ritardi e cancellazione dei voli.

 

Vota questo contenuto
[Totale: 52 Average: 5]
Condividi con:
Categorie: Disagi Aerei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close