Finalmente è arrivato il momento della tanto agognata vacanza e tutto è pronto per la partenza. Hai acquistato i biglietti aerei oppure hai sottoscritto un contratto con un’agenzia di viaggi per l’acquisto di un pacchetto turistico, magari versando anche una caparra. Sfortunatamente, un evento imprevisto (che colpisce voi in prima persona o un vostro congiunto) ti impedisce di partire: una malattia, un lutto, un incidente, … Sei quindi costretto a disdire il viaggio.

Cosa fare per ottenere il rimborso annullamento viaggio?

Se insieme ai biglietti aerei hai acquistato un’assicurazione che ti permetta di annullare il viaggio senza penali oppure se nel contratto stipulato (necessariamente in forma scritta) con l’agenzia di viaggi o il tour operator è compresa anche un’assicurazione che ti garantisce una copertura in caso di impossibilità alla partenza, puoi stare tranquillo: le somme che hai versato ti verranno interamente restituite, senza l’applicazione di alcuna penale.

Che fare se non hai alcuna copertura assicurativa?

In questo caso niente paura! La legge tutela il viaggiatore!

Per quanto riguarda i voli aerei, l’articolo 945 del Decreto Legislativo del 9 maggio 2005, n. 96 recita: “Se la partenza del passeggero è impedita per causa a lui non imputabile, il contratto è risolto e il vettore restituisce il prezzo di passaggio già pagato“.

Per quanto concerne i pacchetti turistici, Il Codice del Turismo (Decreto Legislativo del 23 maggio 2011, n. 79) è chiaro e prevede il rimborso annullamento viaggio qualora il recesso dipenda da fatto sopraggiunto non imputabile” (art. 36, comma 1), ovvero un fatto imprevedibile e imprevisto, che riguardi il turista in prima persona o un suo prossimo congiunto e che gli impedisca di fruire dei servizi acquistati. Il rimborso integrale delle somme versate (senza eccezioni) spetta dunque anche senza alcuna assicurazione e senza l’applicazione di alcuna penale.

Ovviamente, sia che si tratti di un volo sia che si tratti di un pacchetto turistico, il viaggiatore deve necessariamente essere in possesso della documentazione comprovante l’impossibilità di partire (per esempio un certificato medico, un certificato di decesso, una denuncia di sinistro, etc.) da presentare alla Compagnia aerea o all’agenzia di viaggi.

Se anche tu sei stato costretto all’annullamento del viaggio programmato per uno dei motivi sopra citati, scrivimi e faremo il possibile per tutelare i tuoi diritti e farti ottenere quanto ti spetta!

Vota questo contenuto
[Totale: 63 Average: 4.3]
Condividi con:

2 commenti

Alessandra · 9 novembre 2018 alle 10:54

Buongiorno, io devo annullare un viaggio a causa dell’insorgenza di una malattia improvvisa, dispongo di certificato medico e foglio del pronto soccorso, oltre che foto che documentano la patologia.
Non ho stipulato assicuzione per annullamento e alpituor mi chiede una penale del 90% per annullamento o 50% per spostamento data.
Su internet leggo tutto il contrario, cosa devo fare?

    trasportieturismo · 12 novembre 2018 alle 15:48

    Ciao Alessandra! Invia tutta la documentazione in tuo possesso al nostro indirizzo dedicato trasportieturismo@unionedeiconsumatori.it , inclusa copia del contratto stipulato con il Tour Operator e lo scambio di comunicazioni con quest’ultimo. Verrai ricontattata nel più breve tempo possibile da un nostro consulente dedicato, per valutare come procedere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close