Le Compagnie coinvolte

Oggi 15 dicembre 2017 è stato soprannominato il “venerdì nero dei voli” a causa di uno sciopero indetto dai lavoratori delle Compagnie aeree Ryanair, Alitalia e Vueling. I lavoratori di Ryanair avevano annunciato uno sciopero dalle 13 alle 17, quelli di Vueling dalle 10 alle 14 mentre i lavoratori dell’Alitalia avevano annunciato uno sciopero per tutto il giorno, ad eccezione delle fasce orarie 7-10 e 18-21, in cui sarebbero stati garantiti i voli previsti. Lo sciopero ha coinvolto controllori di volo, piloti e personale di cabina. L’agitazione dei lavoratori della Compagnia irlandese avrebbe dovuto interessare anche Germania, Portogallo e Irlanda, causando numerosi disagi a moltissimi passeggeri.

L’accordo di Ryanair con i sindacati

Tuttavia, Ryanair ha annunciato, in un comunicato di oggi, di  aver raggiunto un accordo con i sindacati dei piloti, riconoscendoli come interlocutori per trattare le condizioni di lavoro e di servizio all’interno della propria Compagnia. Restano quindi coinvolte nello sciopero Alitalia e Vueling, che hanno dovuto cancellare numerosi voli a causa dell’assenza del personale. Alitalia, in particolare, ha cancellato in totale 77 voli diretti in Italia e all’estero.

Disagi e diritti dei passeggeri

Ovviamente lo sciopero ha danneggiato soprattutto i passeggeri, provocando loro numerosi disagi che li hanno costretti a rinunciare al viaggio già programmato, non senza un certo fastidio per essere stati nuovamente colpiti da una serie di disservizi da parte delle Compagnie aeree.

Se anche tu sei tra i passeggeri che sono stati vittime della cancellazione di un volo, sappi che puoi far valere numerosi diritti (puoi leggere anche questo articolo): la scelta tra il rimborso del prezzo pieno del biglietto e la riprotezione, ovvero l’imbarco su un volo alternativo il prima possibile e il diritto, in quest’ultimo caso, di ricevere assistenza da parte del vettore aereo, comprendente:

  • pasti e bevande in relazione alla durata dell’attesa;
  • la sistemazione all’interno di adeguate strutture ricettive nel caso in cui la cancellazione abbia comportato un pernottamento;
  • il trasferimento dall’aeroporto al luogo di sistemazione e viceversa;
  • la possibilità di usufruire di servizi di comunicazione (telefonate, fax o email).

Oltre a ciò, sappi anche che hai diritto a ricevere un risarcimento volo cancellato da 250 a 600 euro (variabile in base alla lunghezza della tratta aerea).

Come far valere i propri diritti di passeggero

Compila i moduli messi gratuitamente a disposizione su questo blog oppure contattaci compilando l’apposito form e ti aiuteremo per ricevere assistenza altamente qualificata e far valere i tuoi diritti di passeggero!

 

 

Vota questo contenuto
[Totale: 39 Average: 5]
Condividi con:
Categorie: Disagi Aerei

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close